Importante appuntamento in Consiglio Comunale a Firenze Lunedì 14, il giorno in cui verrà discussa la mozione –  molte volte rimandata – sulla Valutazione di Impatto Ambientale della Stazione sotterranea TAV di Firenze.

Dopo le ultime assemblee cittadini – dove è stata chiesta chiarezza,  rispetto e garanzie per i cittadini – soprattutto dopo i danni subiti dalla cittadinanza durante i la voti propedeutici –  finalmenta la città saprà da che parte stanno i politici dell’Amministrazione cittadina.

Di seguito il testo della Mozione che è stata presentata, chi può partecipi alla seduta consiliare alle ore 15,30 – gli altri possono seguire la seduta via streaming

Mozione 2010/00088

Soggetti proponenti: Valdo Spini, Tommaso Grassi, Eros Cruccolini, Ornella De Zordo

Oggetto: VALUTAZIONE D’IMPATTO AMBIENTALE PER LA STAZIONE AV PROGETTATA DA FOSTER

IL CONSIGLIO COMUNALE DI FIRENZE

Visto che nella Delibera 36 del 20/10/2003 del Consiglio Comunale si impegnava il Sindaco o suo delegato a far presente nella Conferenza dei Servizi che rispetto al progetto approvato nel 1999, in data 18.1.2000 la Commissione di esperti – costitutiva a tale scopo nel corso della Conferenza dei servizi del 1999 – prendeva atto dell’adeguamento dei progetti della Stazione e del Passante AV

Considerato che nonostante il Comune di Firenze nella riunione del 21.12.2001 presso il Ministero si fosse espresso a favore della esclusione dalla ripresentazione della VIA da parte di TAV, visto che il progetto di Stazione AV è già stato sottoposto con esito favorevole a VIA nel contesto dell’intera penetrazione Urbana AV del Nodo di Firenze e che le attuali modifiche riguardano essenzialmente aspetti architettonici / funzionali, rimanendo invariati gli aspetti ambientali già esaminati dal progetto

Considerato che in seno alla Conferenza dei Servizi del 23/12/2003 sia la  Regione, ma anche la Provincia ed il Comune di Firenze hanno, seppur approvando il progetto della linea Passante AV/AC e tra le stazioni di castello e di Rifredi e del progetto definitivo nuova Stazione Av, depositato in Conferenza, depositato documentazione istruttoria in cui è ben presente la preoccupazione per l’impatto paesaggistico e ambientale della nuova Stazione AV nonostante le modifiche apportate alla localizzazione

Richiamato quanto purtroppo avvenuto nella tratta dell’Alta Velocità Bologna – Firenze, che consiglia più attenzione e non meno attenzione ai temi dell’ambiente e della difesa del suolo

SI IMPEGNA L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE

A sostenere in ogni sede e in ogni confronto nazionale o locale, con gli altri soggetti pubblici e privati coinvolti nella realizzazione del Passante AV/AC e Stazione AV la necessità indispensabile e inalienabile di realizzare prima dell’avvio dei lavori della Stazione AV di una appurata Valutazione d’Impatto Ambientale

firmatari:  Valdo Spini   –   Tommaso Grassi  – Eros Cruccolini –   Ornella De Zordo

Segui su facebook alla pagina del gruppo “Salviamo Firenze dallo scempio TAV

Nel frattempo il comitato contro il sottoattraversamento lancia un appello alle forze politiche ed ai cittadini con due comunicati/proposte

Firenze, 12 giugno 2010
Appello a Sindaco e Consiglieri.
Il Comitato contro il Sottoattraversamento AV di Firenze lancia un accorato appello al sindaco Matteo Renzi perché lunedì 14 giugno, nella seduta del Consiglio Comunale, impegni la sua giunta e le liste che lo sostengono a votare a favore della mozione presentata da Cruccolini-Spini-Grassi-De Zordo che chiede di sottoporre il progetto della Stazione Foster a Valutazione di Impatto Ambientale.
Analogo appello è rivolto ai consiglieri di opposizione perché approvino la mozione in oggetto.
Il sindaco e tutti i consiglieri sanno che la VIA è stata effettuata sul “progetto Zevi”, in seguito abbandonato, non sul progetto che si vorrebbe realizzare. Già in quella procedura erano state denunciate criticità molto gravi e non risolte.
Affrontare i cantieri più importanti che Firenze abbia mai visto con delle sostanziali irregolarità così macroscopiche non potrà che portare guai alla città e screditare la classe politica che permetterà un tale fatto.
La mozione non chiede l’abbandono del progetto, ma che questo sia seriamente valutato e studiato, cosa che non è stata fatta.
Lunedì 14 giugno 2010 i cittadini di Firenze misureranno la serietà dei rappresentanti che hanno eletto.

#############################################################################

VOGLIAMO UN CONFRONTO CON LE ISTITUZIONI: assemblea presso l’istituto Stensen 21 giugno 2010, ore 21

Firenze, 11 giugno 2010
L’assemblea dei cittadini che si è tenuta il 10 giugno alla parrocchia dell’Ascensione (in zona Macelli) è stata molto partecipata e ricca di interventi dei cittadini.
L’assenza del Sindaco, che ha inviato un messaggio tramite il consigliere Eros Cruccolini, è stata ripetutamente stigmatizzata, così come il rifiuto ad ogni confronto delle altre istituzioni toscane, in primis la Regione.
La coscienza dell’inutilità dell’opera, dei suoi costi abnormi, dei gravi rischi che comporta per la salute e per migliaia di abitazioni, ha spinto i partecipanti a votare una mozione che chiede alle Istituzioni toscane (Regione, Provincia, Comune e Osservatorio Ambientale), tra le altre cose, di partecipare ad una nuova iniziativa pubblica in cui i rappresentati eletti dai cittadini diano risposte esaurienti e non continuino a sfuggire ai loro doveri istituzionali e morali.
Le recenti dichiarazioni del presidente della regione Enrico Rossi in cui dichiara che tutto ormai è stato discusso a proposito del Passante AV lasciano sconcertati: da anni le istituzioni rifiutano ogni confronto, non danno alcuna informazione sullo stato dell’opera, ma si limitano a comunicati menzogneri e falsamente tranquillizzanti.
Questo dell’alta velocità a Firenze non è più solo un problema ambientale o urbanistico, ma parla delle condizioni pessime in cui versa la democrazia anche nella “virtuosa Toscana”.
Per questo, ultimamente, due assemblee di cittadini (una alla parrocchia Mater Dei al Lippi l’8 giugno, una alla parrocchia dell’Ascensione il 10 giugno) si sono espresse con voto unanime e con acclamazione perché i rappresentanti eletti si confrontino con i cittadini e diano loro le risposte a dubbi e timori. Non è più un comitato o un gruppetto che lo chiede, ma assemblee con diverse centinaia di persone, interi quartieri. Far finta di nulla non è più possibile, pena un crollo della credibilità del ceto politico toscano.
L’appuntamento per questo è l’assemblea già indetta da cittadini di viale Don Minzoni e Campo Marte il 21 giugno 2010, ore 21, presso l’istituto Stensen, in viale Don Minzoni 25.
Di seguito il testo integrale della mozione approvata il giorno 8 giugno 2010 nei locali della parrocchia Mater Dei al Lippi e il 10 giugno 2010 presso i locali della parrocchia dell’Ascensione in zona Macelli.
Comitato contro il Sottoattraversamento AV di Firenze
338 3092948

****************

L’assemblea dei cittadini, in relazione al progetto di “Passante AV di Firenze” chiede alle principali istituzioni della Toscana (Regione, Provincia, Comune, osservatorio Ambientale), interessate alla realizzazione dell’opera, quanto segue:

  1. un confronto pubblico per dimostrare ai residenti e alla cittadinanza che il progetto perseguito è il migliore possibile e che quindi i sacrifici richiesti ai residenti delle zone di Firenze investite dai cantieri e alla popolazione tutta sono giustificati, ai fini del superiore interesse pubblico (in questo senso le suddette istituzioni dovrebbero cominciare con l’essere presenti ad alti livelli all’incontro che si terrà presso l’istituto Stensen il giorno 21 giugno 2010 alle ore 21).
  2. informazioni chiare e accessibili sui progetti, sulle cantierizzazioni, sulle aree coinvolte dai rischi di vario tipo (danni agli immobili, inquinamento acustico, polveri, ecc).
  3. impegni precisi sulla tutela della salute pubblica: installazione immediata di centraline, rilevatori acustici e quant’altro necessario, monitoraggi pubblicati on line e gestiti da un ente terzo indipendente rispetto a Nodavia o gli altri soggetti esecutori dei lavori, soglie limite dichiarate e blocchi immediati dei lavori in caso di superamento delle stesse.

Dopo anni in cui i timori dei Fiorentini intorno all’AV non sono mai stati fugati, crediamo sia un obbligo morale delle Istituzioni e delle amministrazioni locali dare una risposta positiva a queste semplici ma irrinunciabili richieste.

firenze5stelle@gmail.com

Advertisements