Ritorniamo nuovamente sul comma del DIRITTO DI RETTIFICA del DDL interettazioni in continua evoluzione e l’attacco alla rete

Sì, è estate ed è caldo.

Sì, siete stressati al lavoro e pensate alle vacanze.

Sì, siete in vacanza ed è meglio la tintarella degli italici problemi.

Sì, se ne parla da un anno ed ormai ….ma attenzione alle sorprese estive.

Mentre in Finlandia la rete è ufficialmente un diritto legale di tutti i cittadini, in Islanda è stata approvata una legge che garantirà i blogger che pubblicheranno notizie di pubblico interesse (di ogni tipo), L’ITALIA sta procedendo con un serrato attacco alla rete ed  i blogger, una sorta di attacco alla web diligenza, con una classe politica che (per interessi personali di pochi eletti) lascia il Paese in una situazione di disincentivo e digital-divide per l’alto costo di connessione e rinuncia ad investire sia nella banda larga “comune” sia in quella che potrebbe derivare dalla vendita delle frequenze televisive liberate dal digitale, con la conseguente perdita di  mobilitazione occupazionale diretta ed indotta e di guadagni per uno Stato in crisi economica.

Riassuntino, breve, ma esplicativo della situazione in cui siamo:

– Due regolamenti  in attuazione del Decreto Romani, a cura AGCOM, che obbliga, con  autorizzazione e/o richiesta di inizio attività, chi vuole tenere e/o aprire una web/tv – anche piccola piccola – al pagamento di un contributo da 3000 a 6000 euro;

–  Obbligo di tenuta di un registro e di conservazione di tutti i contenuti diffusi

– Obbligo di registrazione presso il ROC (Registro degli Operatori di Comunicazione)

– Il comma 29 del DDL INTERCETTAZIONI che obbliga al DIRITTO DI RETTIFICA, ma l’assurdo del DDL arriva quando sotto i colpi del comma legisltivo  cadrà anche l’editoria non periodica, i libri !

Ne parla, strano a dirsi, la rete: “IL POST” e “LIBRIBLOG.COM

Il bavaglio pure ai libri?;

La legge sulle intercettazioni impone termini assurdi e iniqui per l’obbligo di rettifica anche alla “stampa non periodica”;

Bavaglio: la nuova legge colpirà anche i libri?

Dimenticato niente ? ! ?



Del web invece ne parla anche IL FATTO QUOTIDIANO

Internet, ultimi giorni di libertà

In settimana il voto definitivo alla legge bavaglio con multe e obbligo di rettifica. L’Italia va così verso la Cina, mentre parte anche la schedatura delle web tv. Normative impensabili nelle altre democrazie

Cala il sipario sul web, uno degli ultimi spazi disponibili per fare circolare liberamente le idee. Il comma 29 dell’articolo 1 della legge bavaglio impone che ogni sito, blog, forum, pagina Facebook, canale YouTube, debba sottostare all’obbligo di rettifica previsto per le testate giornalistiche. Si rischiano multe fino a 12mila euro.  Nel frattempo l’Autorità garante per le Comunicazioni ha pubblicato gli schemi dei regolamenti in ossequio al Decreto Romani. D’ora in poi le web tv ed i video blogger italiani dovranno chiedere all’Agcom un’autorizzazione per andare online e versare 3000 euro per l’iscrizione. Mentre nel mondo sempre più paesi guardano con lungimiranza alla rete, in Italia procede a tappe forzate il progetto per controllare il web e per zittire le tante voci contro il palazzo che popolano Internet   di Federico Mello e Guido Scorza

fonte

Firma anche tu “Lettera aperta contro il BAVAGLIO ALLA RETE”, l’ultimo tentativo per gli  emendamenti al DDL INTERCETTAZIONI  che mira al blocco della rete

Alla prossima e … buona estate

Puoi seguirci anche attraverso ….

Il Meetup


http://www.meetup.com/GrilliFirenze

canali web

il blog : www.firenze5stelle.wordpress.com

pagina facebook:  http://www.facebook.com/home.php?#!/meetup.firenze

account twitter:  http://twitter.com/firenze5stelle

canale video

http://www.youtube.com/user/MeetupFirenze

canale foto

Logo Flickr. Se ci fai clic si aprirà la home page

http://www.flickr.com/photos/firenze5stelle/

Puoi contattarci attraverso la posta elettronica e Google buzz:        firenze5stelle@gmail.com


MoVimento5stelle


Advertisements