Vodpod videos no longer available.

Beppe Grillo:nel Paese dell’incontrario, posted with vodpod

Nel Paese dell’Incontrario gli elettori non eleggevano gli eletti.Nel Paese dell’Incontrario il Parlamento si eleggeva da solo e si autocertificava democratico.

Nel Paese dell’Incontrario le contestazioni democratiche erano antidemocratiche, le leggi popolari erano ignorate ei referendum cassati.

Nel Paese dell’Incontrario l’Opposizione all’Incontrario era governativa, eleggeva Schifani presidente del Senato e lo invitava alle sue Feste pubbliche.

Nel Paese dell’Incontrario i cittadini onesti erano squadristi, se facevano domande indiscrete, e populisti, quando ponevano richieste inaudite come: “Fuori la mafia dallo Stato”.

Nel Paese dell’Incontrario i condannati in secondo grado per mafia facevano i bibliofili ei prescritti in via definitiva per mafia i senatori a vita.

Nel Paese dell’Incontrario le proposte dei cittadini venivano chiamate proteste dai giornalisti all’Incontrario e dai politici all’Incontrario.

Nel Paese delI’Incontrario la crescita economica era sempre all’incontrario e Geronzi un banchiere.

Nel Paese dell’Incontrario i finanziamenti pubblici di un miliardo di euro ai partiti erano chiamati contributi.

Nel Paese dell’Incontrario chi andava in direzione ostinata e contraria era un sovversivo e quindi, nel Paese del Diritto, un uomo onesto.

Advertisements