Ambiente Ambiente Acqua Acqua Sviluppo Sviluppo Connettività Connettività Trasporti Trasporti

 

sabato 26 febbraio 2011 a Firenze

ore 9,30, sala del Circolo XXV Aprile, via Bronzino 117-118

SECONDA tappa del giro d’Italia per creare il COMITATO REFERENDARIO DI BASE NO AL NUCLEARE

 

Proposta itinerante di dare vita ad una campagna unitaria (volantini, banchetti, assemblee ecc.) che comprenda temi dell’energia e dell’acqua: 3 sì referendari per la difesa dei beni comuni, per un modello alternativo di società.

Dunque vanno discussi a Firenze (seconda tappa del giro d’Italia referendario) la disponibilità e l’impegno che ci sono stati dati dal “Comitato referendario 2 sì per l’acqua bene comune” di trovare momenti di intreccio forte con noi durante il percorso che ci condurrà al voto.

Naturalmente le modalità operative andranno discusse in un apposito incontro con il Comitato referendario acqua.

Lo straordinario un milione e mezzo di firme per promuovere il referendum per il sì all’acqua pubblica  è lontano dal garantire 25 milioni di voti, il quorum irraggiungibile da tempo immemorabile.

Potrà favorire questo obbiettivo l’abbinamento con il referendum per il sì contro il ritorno al nucleare. I Comitati per l’acqua sono più organizzati, attivi da anni, mentre il nucleare è tema più sensibile nell’elettorato.

C’è da considerare che, improvvisato da semplice tam tam, il novembre scorso abbiamo coperto un vuoto di 23 anni autorganizzando una sorprendente grande giornata di lotta nazionale dei movimenti antinucleari e pacifisti (un centinaio) in occasione dell’anniversario del vittorioso referendum del 1987.

Sulla scorta di questo successo ci siamo autorganizzati ampliando le adesioni per il forum di Cremona (5 febbraio) dove costruire un fronte nazionale contro il nucleare civile e militare e a favore delle fonti rinnovabili e pulite.

Abbiamo così sempre più preso coscienza che non potevamo fermarci alla campagna per il sì antinucleare.

Abbiamo sempre più preso coscienza che i 3 sì ai referendum (2 per l’acqua pubblica e 1 contro il nucleare) si vinceranno o si perderanno tutti assieme. Infatti i nostri avversari sono sostenuti da mezzi finanziari sproporzionati, non faranno campagna per i no, gli basterà giocare sugli opposti schieramenti partitici, sul silenzio e la complicità mediatica. Noi invece dovremo battere le strade, fare il porta a porta, volantini e banchetti e assemblee paese per paese, quartiere per quartiere.

Con le forze esigue che abbiamo, non possiamo dividerci tra chi fa propaganda per l’ acqua e chi contro il nucleare. Saremmo perdenti su entrambi i fronti. Per questa consapevolezza, abbiamo deciso di costituirci in un Coordinamento nazionale dei Comitati antinucleari che si impegnano a fare campagna elettorale  anche per i sì alla ripubblicizzazione dell’acqua pubblica.

Oltre a consolidare i mezzi organizzativi, cosa dobbiamo decidere il 26 febbraio prossimo a Firenze?

Partecipa, vieni a contribuire con le tue idee ed i tuoi mezzi, NON E’ PIU’ TEMPO DI DELEGARE

Nel frattempo:

Undecalogo – Vademecum delle ragioni per il NO AL NUCLEARE;

COMITATO SCIENTIFICO di garanzia

Decalogo dei SI’ e dei NO in breve

UPDATE :

Lo Spot del Forum Nucleare Italiano bloccato dal Giurì

 

Notizie correlate:
Il nucleare ha bisogno di te, nuovo talento !
Vandana Shiva intervistata in TV parla di TAV Firenze – Corridoio 21 Stoccarda – Rifiuti e …..
I have a dream
Lettera aperta della Gabanelli (RAI Report) in merito a Veronesi presidente dell’Agenzia per la sicurezza nucleare
Advertisements