Il punto della settimana dal 20 al 26 Marzo

La settimana vista da  Massimo Gramellini

 

Notizie correlate: link

 

Seguici anche in mobilità:

P.S.: Il 12 e 13 Giugno ricorda:

Annunci

Il punto della settimana dal 13 al 19 Marzo

La settimana vista da  Massimo Gramellini

 

 

Notizie correlate: link

Ambiente Ambiente Acqua Acqua Sviluppo Sviluppo Connettività Connettività Trasporti Trasporti

Il punto della settimana dal 6 al 12 Febbraio

La settimana vista da  Massimo Gramellini

 

Poiché lunedì è san Valentino, vorrei cominciare con un verso bellissimo:
“Prima di amarti nulla era mio.” Non è un sms di Sara Tommasi al Cavaliere, ma un sonetto di Pablo Neruda.
7Come ci vedono all’estero? Così:
Uno dice: i tedeschi. Allora vediamo gli spagnoli. Questo è l’articolo del Paìs. “Oltre che dal controllo sui meccanismi del potere, la sopravvivenza politica di Berlusconi dipende dalla situazione disastrosa in cui versa l’opposizione: la maggioranza degli italiani non crede a un amalgama che unisce post-fascisti e marxisti, un’accozzaglia di dirigenti senza carisma, artificiosa e debole, a sua volta macchiata dalla corruzione.”
Un bel quadretto, no?
6 – Una donna su internet cercava un uomo “finanziariamente ed emotivamente stabile”.
Il deputato repubblicano Chris Lee le ha risposto: “Sono libero, eccomi qua.” E ha allegato una sua foto a torso nudo. Quando la donna ha scoperto che Lee aveva moglie e figli, è successo il patatrac. Quattro ore dopo che la notizia era diventata di dominio pubblico, l’onorevole Lee si è scusato con la sua famiglia e i suoi elettori. E si è dimesso.
Per fortuna da noi certe cose sono impensabili. Le dimissioni, intendo. A proposito: ricordi che l’altra settimana avevamo parlato della doppia personalità del premier: dottor Silvio e mister B? L’altro giorno ha detto che farà causa allo Stato. Ma lo Stato è lui! Qualcuno glielo dica, per favore. Chiamate Ferrara, o almeno lo psicanalista: dal lettone al lettino.
5 – Ponte Milvio, Roma. Sono le otto di sera e un ragazzo è alla fermata dell’autobus quando viene avvicinato da tre coetanei che gli chiedono: “Scusa, ma tu sei antifascista?”
Lui ci rimane un po’ così. “Bé, certo.” I tre cominciano a picchiarlo con dei punteruoli stretti nei pugni. Il ragazzo finisce all’ospedale con un trauma cranico.
Vorrei dire a quelli che lo hanno picchiato che i comunisti sono finiti, ma gli antifascisti sono ancora tanti. Anche se si impegnano, non riusciranno mai a picchiarci tutti.
4 – In questi giorni assistiamo allo spettacolo surreale e un po’ triste di un Paese che prima istituisce la festa nazionale del 17 marzo per i 150 anni dell’Unità e poi litiga per abolirla.
Il presidente della provincia di Bolzano si chiama fuori dai festeggiamenti, ma non dai finanziamenti: gli piace fare l’austriaco coi soldi degli italiani.  I ministri Gelmini e Sacconi propongono di festeggiare lavorando, tenendo lezioni di storia a scuola e in fabbrica. Il sindaco Chiamparino, uomo di buon senso, ha detto: “Fatico otto ore in catena di montaggio e poi vengo a sentire te in sala mensa che mi parli del Risorgimento? Ma ti mando a…”
Chiamparino chiede a Berlusconi di non cancellare la festa.
Sono ottimista. Quando si tratta di feste, Silvio non è uomo che si tira indietro.
3 – In commissione di vigilanza Rai, il centrodestra ha preparato un documento per rendere più croccante l’informazione del servizio pubblico. Si parte da una premessa: “la sinistra e le elite culturali occupano la Rai (sai che guardando l’isola dei famosi non me n’ero accorto?) e relegano in posizioni minoritarie le idee della maggioranza degli italiani.” Ha ragione. Pensa che persino il Tg1, noto per il suo equilibrio, ha fatto 6 minuti di intervista a un vecchio comunista: Giuliano Ferrara.
Le contromisure.
1. “Allo scopo di evitare ridondanze e sovrapposizioni, quando un tema di attualità è affrontato da un programma, non può essere affrontato dagli altri negli otto giorni successivi.” Quindi se lunedì i marziani sbarcano sulla Terra e vanno a trovare Vespa col plastico dell’astronave, Giacobbo dovrà occuparsi del bunga bunga.
2. “Anche nei programmi apparentemente di satira e varietà, l’intervento di un opinionista a sostegno di una tesi va calibrato con la rappresentazione di altre sensibilità culturali.” Esempio: prima Stella denunciava la distruzione del patrimonio artistico. Tu dopo avresti dovuto intervistare Cetto La Qualunque che ti spiegava perché i templi di Agrigento sono abusivi e vanno abbattuti.
3. “Vanno studiati format di approfondimento che prevedano un doppio conduttore di diversa estrazione culturale.” Ma cosa vuol dire? Uno deve aver fatto il liceo classico e l’altro l’Isef?
Poi ci sono le norme ad personam: i conduttori non possono avere tutela legale (Gabanelli), essere stati parlamentari (Santoro), avere un programma di satira (Dandini). Ma non si fa prima a stilare l’elenco di quelli che vogliono far fuori? Almeno l’editto bulgaro era sincero.
2 – Mai come oggi l’Italia ha avuto tante laureate e tante giovani ricercatrici, ma è una rivoluzione di cui nessuno si occupa perché l’impronta dei media è ancora maschilista e impone un modello unico di donna vincente: che non è la ricercatrice universitaria ma la sgallettata in mutande.
Quindi domani scenderò in piazza contro i maschi ruffiani che vendono il corpo delle donne ai potenti in cambio di favori e contro i potenti che le ricompensano non solo con soldi (fatto privato) ma con incarichi pubblici.
Però marcerò anche contro chi pensa che non esista una via di mezzo fra il burqa e il bunga bunga e invece esiste: chiamiamolo burqa bunga, oppure dignità.
Contro i pubblicitari che da trent’anni riempiono di seni & sederi i muri delle nostre città per promuovere prodotti che nulla c’entrano con la biancheria intima.
Contro le tante donne che hanno accettato questo insulto senza protestare.
Contro quegli autori televisivi che hanno ridotto il vestito delle ballerine a un filo interdentale e contro quelli che hanno fatto la stessa cosa, ma sostenendo che si trattava di una forma sottile di ironia, mentre di sottile c’era solo la gonna.
Contro i giornali e i siti «seri», affollati di culi & sederi. E contro coloro che se ne lamentano, ma intanto cliccano sempre lì.
In fondo domani scenderò in piazza un po’ anche contro me stesso.
1 – Le maestre che seguono i bambini Rom di Milano da uno sgombero all’altro ci hanno mandato questa lettera:
“Dopo la morte dei 4 bimbi di Roma, molti – almeno per decenza – tacciono il loro pensiero sui Rom. Ma stamattina Ulisse, 12 anni, stava andando a scuola insieme coi fratellini, con lo zaino in spalla, quando si è accostata una macchina e l’uomo alla guida ha abbassato il finestrino e ha sputato addosso ai bambini. Qualche anno fa, in seguito a uno sgombero particolarmente duro, Ulisse era rimasto senza dire una parola per un mese. Il fatto di oggi ha risvegliato in lui il terrore ed è scappato via. Sua mamma ci ha telefonato terrorizzata.”
Anch’io, come il piccolo Ulisse, ho finito le parole. Faccio mie quelle del capo dello Stato, che con un gesto carico di significato ha voluto incontrare i familiari dei bimbi morti nell’incendio di una baracca a Roma. “Questa tragedia pesa dolorosamente su ciascuno di noi e ci rende ancor più convinti della necessità di non lasciare esposte a ogni rischio delle comunità che debbono essere tempestivamente ricollocate in alloggi stabili e dignitosi.”

 

Notizie correlate: link

 

Ambiente Ambiente Acqua Acqua Sviluppo Sviluppo Connettività Connettività Trasporti Trasporti

Il punto della settimana dal 30 gennaio al 5 febbraio 2011

La settimana vista da  Massimo Gramellini

 

Notizie correlate: link

Ambiente Ambiente Acqua Acqua Sviluppo Sviluppo Connettività Connettività Trasporti Trasporti

 

Il punto della settimana dal 16 al 22 Gennaio 2011

La settimana vista da  Massimo Gramellini

 

Le notizie della settimana in versione scritta

Notizie correlate: link

Ambiente Ambiente Acqua Acqua Sviluppo Sviluppo Connettività Connettività Trasporti Trasporti

 

Il punto della settimana dal 9 al 15 Gennaio 2011

La settimana vista da  Massimo Gramellini

 

Notizie correlate: link

 

 

Ambiente Acqua Sviluppo Connettività Trasporti

 

Il punto della settimana  dal 12 Dicembre al 18 Dicembre 2010

La settimana vista da  Massimo Gramellini

Vodpod videos no longer available.

posted with vodpod
7 – È nata l’associazione benefica Amici di Renzo Bossi, il cui presidente è Renzo Bossi. Deve essere un ragazzo molto solo
6 – Folla di turisti alle Terme di Diocleziano per la mostra dello scultore Pietro Cascella dedicata ai segreti del cielo. A tutti quelli che chiedono di visitare il Santo Sepolcro la custode ripete meccanicamente più avanti, sulla sinistra:  qui si trova il bozzetto del mausoleo eretto ad Arcore per ospitare un giorno lontanissimo le spoglie mortali di Silvius Imperator e del suo staff. Una foresta di marmo su cui incombe un firmamento di sfere e di stelle. La disposizione delle tombe è ispirata ai mausolei di Augusto e Adriano. Un sarcofago centrale per il sovrano e, a raggiera, quelli destinati ai cortigiani. Per scongiurare il rischio di un ingorgo, i posti sono a numero chiuso. Trenta. Un giorno Silvius mostrò la planimetria delle tombe a Montanelli: Qui ci sarà Fedele (Confalonieri), qui Marcello (Dell’Utri), qui Emilio (Fede), qui il dottor Galliani. E qui, caro Indro, vorrei mettere te. Ma Montanelli, le mani serrate nelle tasche, si chiamò fuori dicendo: Domine, non sum dignus.
5 – L’astutissima intervista in cui Bersani liquida le primarie e annuncia di volersi alleare con Fini e Casini anziché con Vendola e Di Pietro ha finalmente ricompattato il popolo dei democratici. Lo si evince da una passeggiata nel sito del Pd.
«Sono un ex iscritto e tra poco sarò un ex elettore» (Francesco). «Così non andiamo da nessuna parte, anzi sì: al suicidio» (Chiara). «Mi domando cosa avete nel cervello. Ma davvero le partorite voi queste cavolate? Andatevi a nascondere e non fatevi più rivedere!» (Gianni). «Cacchio, ma si può?» (Gian Piero). «Dopo la fatica che abbiamo fatto per liberarci della Binetti, paffete e me la ritrovo alleata!» (Monica).«Per me Bersani ha ragione» (Fassina, ma forse è la sorella di Piero). «Cioè, fatemi capire: alle prossime elezioni dovrei scegliere fra Fini e Berlusconi?» (Alessandro). «D’ora in poi, segretario, come inizierà i suoi comizi? Cari democratici, cari compagni, cari camerati?» (Concita). «Grazie a tutti quelli che stanno commentando l’intervista» (Pier Luigi Bersani). «Segretario, tu ci ringrazi, ma i commenti li leggi o guardi solo le figure?» (Monica).
4 – L’edizione tedesca del seriosissimo Financial Times ha prospettato quattro scenari per il futuro dell’euro, uno dei quali prevede la nascita di una nuova moneta del Sud Europa, il Silvio, con la faccia ritoccata del premier italiano sulle banconote. Il FT scrive che ci vorranno 15 Silvio per fare un euro. Per fare un Silvio ci vuole un lodo. Per fare un lodo ci vuole un albero. Per fare un albero ci vuole…
3 – Come è poi andata a finire a Montecitorio? Avevo letto i pronostici dei geni della politica.
FINI: IL Cavaliere cadrà
BERSANI: Il governo è finito
E poi ?
LIBERATION: Toujours lui.
Ah, ecco. Ancora tu. Ma non dovevamo vederci più?
Che bestiario in quell’aula.
Il dipietrista pentito Razzi: “Non lancerò mai la stampella come Pietro Micca!” Cos’è, una stampella esplosiva? Era Enrico Toti! Questi neanche il sussidiario delle medie hanno letto…
Calearo, l’ex veltroniano dopo il voto pro Silvio: “Sono diventato indispensabile, ma forse è meglio se per un po’ espatrio.”
De Siano, lo stakanovista che il lunedì fa il consigliere provinciale a Napoli, il martedì e il mercoledì il deputato a Roma, il giovedì il consigliere regionale a Napoli e nel weekend il consigliere comunale a Ischia. Decaduto da parlamentare per incompatibilità, ma poiché al suo posto sarebbe subentrato un finiano, prima di dimettersi ha votato la fiducia. Come gli yogurth, che dopo la scadenza li puoi ancora mangiare per qualche giorno.
La finiana Polidori, stesso cognome del fondatore del Cepu amico di Silvio, ma lei dice che è un caso: nel suo paese si chiamano tutti Polidori. Mercoledì scrive sul suo sito: “Non tradirò mai!” Poi si nasconde dietro una colonna della Camera per non farsi vedere, ma al momento giusto entra in aula e vota Silvio. Un finiano le urla dietro il nome di una nota città omerica. Le cronache raccontano che a quel richiamo si sono girati in molti, anche fra i maschi.
Non ho titoli per fare la morale agli studenti in rivolta. Penso però che i ragazzi, più che alle prediche, siano sensibili agli esempi. E bisogna riconoscere che gli adulti, gli adulti politici in particolare, anche questa settimana ne hanno dati di pessimi.
2 – Mi sono tenuto per ultimo la superstar: Domenico Scilipoti. Ecco come ha giustificato il salto della quaglia sul suo sito.
Scelta sofferta ma giusta. Io stò con gli italiani. Di sicuro non sta con l’italiano. Ma mentre Scilipoti stava con gli italiani, gli italiani stavano con Scilipoti? “Per strada duecento persone stanno manifestando a mio sostegno e altre ne continuano ad arrivare da tutta Italia” dichiara lui trionfalmente alla stampa. Dal filmato però si evince che i manifestanti con lo striscione “On. Scilipoti = libertà”, a) non erano italiani, ma indiani; b) non sapevano chi fosse Scilipoti. Tirando le fila del calciomercato, questa settimana il Milan ha ingaggiato Razzi e Scilipoti dall’Idv, Polidori e Siliquini dal Fli e Cassano dalla Samp. Immagino, Fabio, quale di queste cessioni ti addolori di più, perciò lancio un appello: restituite alla Samp almeno Scilipoti. Ha una rapidità di movimenti che Ronaldinho se la sogna.
1 –Time ha scelto il fondatore di Facebook come uomo dell’anno. Qui, più modestamente, vorremmo indicare l’italiano dell’anno.
È un genovese sfuggito a un naufragio. Ma forse anche lui aveva visto Vieni via con me e così, quando si è trovato sulla scialuppa con gli altri marinai, si è chiesto: Vado o resto? Ha deciso di restare. Si è tuffato in acqua per tornare sulla nave che stava affondando ed è scomparso fra i flutti.
A qualcuno sembrerà una scelta ottusa e magari lo è. Ma in un Paese dove tutti passano da una scialuppa all’altra infischiandosene della nave che affonda, per la sua coerenza il signor Athos merita il nostro rispetto e la palma di italiano dell’anno.
Auguro a tutti buone feste e un 2011 da cani.