Riceviamo questa lettera aperta dei Comitati dei Cittadini di Firenze in risposta  all’articolo del 16 marzo scorso su “corriere.it” nel quale Adriano Celentano “glorificava” Matteo Renzi Sindaco di Firenze.

Non vi possiamo linkare l’articolo perchè nel sito è rimasto solo il titolo del post, il link rimanda ed una “pagina non disponibile” .. Celentano nel frattempo avrà cambiato idea ?

Inoltre ricordiamo che ultimamente il buon Adriano e anti nucleare, Renzi invece non ha ancora una posizione, o forse si’ , o forse no ?

Comunque condividiamo il senso della lettera aperta a Adriano Celentano e siamo contenti che qualcuno ci abbia preceduto, almeno saremo in buona compagnia al momento che torneranno ad accusarci di avercela con il Sindaco.


Caro Adriano,

abbiamo apprezzato e condiviso il tuo articolo contro il nucleare, pubblicato sul Corriere della Sera mercoledì 16, ma sei forse caduto in un equivoco mediatico a proposito del Sindaco della nostra città. Hai scritto: «L’unica buona notizia  è ciò che di veramente buono sta facendo il sindaco Matteo Renzi nella sua Firenze. Finalmente uno che ha intuito cosa c’è nel cuore della gente. E che ha il coraggio di dire no alla cementificazione facile con la quale, secondo i malvagi, si costruirebbe per il bene dei cittadini. Bravo Matteo!»

In effetti il Sindaco Renzi ha presentato il nuovo Piano Strutturale della città, lo strumento urbanistico essenziale per i prossimi 15 anni la cui approvazione è prevista in aprile, come Piano a volumi zero e senza occupazione di nuovo suolo. Ma le cose sono più complicate.

Nel Comune di Firenze non si prevedono nuove importanti edificazioni in più semplicemente perché nel ristretto perimetro del suo territorio non c’è più posto. In effetti si può parlare di azzeramento dei volumi perché viene escluso dal conto quanto è già stato approvato, in primo luogo 1.200.000 mc di volumetrie concesse a Ligresti nel 2005 sull’ultima area libera del Comune, a Castello. Nonostante le dichiarazioni di Renzi il costruttore, noto anche per le sue vicende giudiziarie, difficilmente rinuncerà ai suoi diritti edificatori.

C’è poi l’edilizia sociale (il cosiddetto social housing) che potrà collocarsi ovunque perché è considerata come  se si trattasse di attrezzature sportive o di servizi collettivi, e perciò non computata. Infine, la delocalizzazione di una grande quantità di edifici incongrui (magazzini, fabbriche, laboratori artigianali ecc.), i quali, anziché essere in gran parte demoliti senza ricostruzione, potranno essere trasferiti in aree periferiche con consistenti premi volumetrici.

Insomma questo stop alla cementificazione è molto statistico e poco sostanziale. Temiamo che si continuerà come prima ad intasare la città, ad aggredire la collina, ad occupare gli ultimi spazi liberi della piana tra Firenze e Prato, ormai ridotta ad una discarica edilizia affollata di case, capannoni, inceneritori, un aeroporto e persino la futura Cittadella Viola, con tanto di nuovo stadio.

Guardiamo con grande attenzione a Matteo Renzi, condividiamo anche molte delle cose che dice sui suoi predecessori alla guida della città, gli siamo grati per aver liberato Piazza del Duomo dal traffico, ma il suo bell’atteggiamento spavaldo e le sue efficaci formule comunicative spesso non corrispondono a fatti concreti. Non solo Renzi non sembra in grado di interrompere la logica delle Grandi opere (TAV in testa) e la prepotenza degli immobiliaristi che sono all’origine della cementificazione e del consumo di suolo nel nostro Paese, ma indulge anche a quella politica dell’immagine e degli annunci ad effetto che, come sappiamo, ci allontana dalla vera soluzione dei nostri guai più profondi.

Un caro saluto e… vienici a trovare, ti faremmo volentieri da guida nella crisi della nostra città.

CITTADINI AREA FIORENTINA

Comitati dei Cittadini – Firenze

Un esempio della cementificazione fiorentina:

Via di Soffiano verso la collina

ANTE RENZI (2005)

POST RENZI (2011)



La vista da Bellosguardo verso via di Soffiano

PRIMA

DOPO

Caro Adriano, come MoVimento ci uniamo e condividiamo la lettera aperta dei comitati e ti consigliamo di seguire questo link , avrai una brutta sorpresa

Auguri Firenze !!!

Seguici anche in mobilità:

Notizie correlate:
Firenze città dei fiori …. finti !
Firenze: vandali in casa, oggi

P.S.: Il 12 e 13 Giugno ricorda:

Advertisements